Lessico e humus

Il numero che state sfogliando esce a ridosso del sesto con­vegno nazionale di AssoCounseling. Sei anni di strada che hanno portato il counseling in Italia a confrontarsi sempre di più e sem­pre più concretamente con la complessità che lo connota, con gli stimoli e le richieste dell’ambiente e del contesto, con le riflessio­ni e la costruzione di prospettive ma, soprattutto, con il cliente nei vari ambiti di intervento. Il counseling, per prendere le parole dal primo dei contributi qui presentati, passa sempre di più da un “io distante da un tu” a un “noi”, dove il noi rappresenta la comu­nità scientifica e professionale di chi pratica questo specifico tipo di relazione di aiuto, ma anche i soggetti presenti nel vasto pa­norama della condivisione di conoscenze, saperi e approcci che ruotano intorno all’essere umano e alle vicissitudini che incontra nel suo vivere.

È questo “noi” che ci impone sempre di più un lessico comu­ne ma specifico che sappia al contempo tradurre le specificità e consentire la condivisione e l’interscambio di saperi e conoscen­ze. L’integrazione che risuona in diversi tra i contributi presenti, tra cui quelli di Semprini-Savini, di Signorini e di Piardi, si declina in questo senso come tale solo nel momento in cui si rende florida apertura di pensieri che condividono una grammatica del sapere, una base epistemologica sulla quale fiorire e consolidarsi.

Il lessico, la grammatica, la sintassi del counseling sono fatti di rigore e di rispetto per il faticoso procedere della conoscenza nella prassi, che alla prassi attinge e restituisce in una circolari­tà virtuosa i propri frutti. Queste basi comuni, non di approcci o di opinioni, ma di grammatica, umiltà e rigore, sono l’humus sul quale si sviluppa il confronto con i saperi “altri” che ruotano intorno all’uomo e che restano validi nella misura in cui, calando­si nella prassi, si impegnano a raccogliere evidenze condivisibili che li aiutino a crescere e a non cedere alle tentazioni dell’apo­ditticità, sapendo bene che proprio le evidenze, proprio le prassi strutturate capaci di auto-osservarsi con metodo e umiltà, così frustranti per il pensiero che cede all’autoreferenzialità, sono la linfa di vitalità e apertura, di solidità e validità scientifica.

Buona lettura

Edoardo Bracaglia
Editor

© Riproduzione riservata

The following two tabs change content below.
Edoardo Bracaglia

Edoardo Bracaglia

Professional Counselor
Professional Counselor, iscr. Reg. A1349. Counselor professionista e giornalista pubblicista, è membro dell’Ufficio Stampa di AssoCounseling e Direttore della Rivista Italiana di Counseling.
Edoardo Bracaglia

Ultimi post di Edoardo Bracaglia (vedi tutti)

Similar posts
  • Le relazioni che nutrono: apertura dei lavori Buongiorno a tutti, ben arrivati. È con grande emozione e gioia che apro il sesto convegno nazionale di AssoCounseling, un convegno che vede la presenza di un numero sempre maggiore di colleghi, scuole, ospiti che partecipano al [...]
  • Counseling e psicologia professionale: una convivenza possibile? Grazie, grazie a tutti. Buongiorno a tutte le socie e a tutti i soci di AssoCounseling, ai referenti delle scuole e ai loro collaboratori, agli allievi, ai counselor esterni, ai relatori e agli ospiti. Anzitutto vorrei ringraziare tutti voi, al di fuori di ogni [...]
  • Identità e cultura Se chiediamo alla gente chi (che cosa) è un counselor, oppure qual è il suo ruolo professionale, molto spesso non lo sa. Questo significa che occorre far conoscere la nostra identità professionale, far entrare il termine counseling nel linguaggio [...]